21 Aug 2015

CINEMA

I luoghi più belli de "La grande bellezza"

I luoghi più belli de La grande bellezza

"La grande bellezza" diretto da Paolo Sorrentino e vincitore del premio Oscar come "miglior film straniero" nel 2014, è soprattutto un film di luoghi. Terrazze, chiostri, parchi, scorci, chiese, periferie: Roma è ripresa in molti suoi angoli, caratteristici e non.  

- Il chiostro di San Pietro in Montorio
: Toni Servillo vaga per la Città Eterna in una delle sue passeggiate senza meta e incontra una bambina che si nasconde dalla madre. Lo fa nel chiostro firmato dal Bramante, capolavoro assoluto del Rinascimento.


- Il parco degli Acquedotti: è una delle scene più ciniche del film. Un’artista si lancia contro un muro, durante una performance di arte contemporanea, provando a rompersi la testa per dimostrare il suo dissenso nei confronti della vita. Il muro è quello dell'Acquedotto Claudio, nel VII Municipio.


- Palazzo Barberini e Palazzo Spada: una delle scene più suggestive e spettrali è ambientata proprio in questi due palazzi: Jep porta Ramona a fare un giro tra i loro corridoi, spacciandole per le case delle anziane principesse romane.


- La Fontana dell'Acqua Paola: la piccola cascata d’acqua della fontana (a Roma “Er fontanone”) si vede nella prima scena, quella con il coro. Come il chiostro di San Pietro in Montorio si trova sul Granicolo.


- Villa del Priorato dei Cavalieri di Malta: meta preferita di ogni turista che si aggira per la capitale per osservare lo straordinario gioco prospettico che permette di vedere attraverso la serratura la cupola di San Pietro.

TAGS
COMMENTI (0)