Winnie The Pooh – Ritorno al bosco dei cento acri: Christopher Robin ritorna a brillare

Dall’adattamento del romanzo di A.A. Milne, arriva su Infinity Winnie The pooh con il live action “Ritorno al bosco dei 100 acri”. Winnie the Pooh insieme ai suoi amici animali Tigro, Pimpi, Ih-Oh, Tappo, Kanga, Ro e Uffa insegnano ad un Christopher Robin ormai adulto, schiacciato dagli impegni di lavoro a ritrovare sé stesso, i suoi sogni e soprattutto, come dice l’orsacchiotto, “rigirare il mondo per rimetterlo nel verso giusto”. In una Londra gelida, cupa e grigia a causa dei fumi che escono dalle ciminiere delle fabbriche vive Cristopher Robin insieme a sua moglie e alla loro bimba. Lo stesso Christopher che da bambino, nelle campagne del Sussex giocava con Winnie The pooh ed i suoi amici pelosetti nel bosco dei 100 acri. La persona è la stessa, ma ora lui è cambiato: troppo preso dai suoi impegni lavorativi tanto da dimenticare i valori più importanti della vita, come la famiglia.


E’ Winnie ad arrivare in soccorso all’amico d’infanzia per far riscoprire ad un Cristopher ormai adulto quel fanciullino che ha smarrito nel corso della sua carriera lavorativa. Con un inganno, a fin di bene, lo riporterà proprio lì, nel magico Bosco dei 100 acri dove c’era quella luce di un sole che “non smette mai di brillare, quando Cristopher Robin viene a giocare”. Cristopher si tuffa in un mondo fantastico- quello del bosco- che lo aiuterà a ritrovare quella magia della spensieratezza, ormai diventata un ricordo lontano da quando ha la responsabilità di rimettere in sesto un’azienda che sta per fallire.

 

Ambientato negli anni ’50, risulta estremamente attuale: disoccupazione, crisi economica e fabbriche che stanno per chiudere. Con un Cristopher che rappresenta perfettamente quell’uomo moderno, alienato ed assorbito completamente dal lavoro. Vive una vita che si consuma in una routine estremamente monotona, che gli ha fatto perdere di vista quello che conta davvero nella vita con la scusa che “Per raggiungere i sogni servono sacrificio e dedizione” ma l’orsetto amante del miele arriverà per ricordagli proprio che “Il fare niente spesso porta alle cose migliori”. Con “Ritorno al bosco dei 100 Acri” la Disney ha abbandonato per un attimo i colori e la magia che caratterizzano i suoi animation movie avventurandosi in una pellicola più riflessiva ma non per questo noiosa, adatta a tutta la famiglia ma soprattutto per tutti quei genitori che hanno abbandonato la loro infanzia ed hanno perso il Peter Pan che c’è in loro.

 

COMMENTI (0)