Warcraft – l’inizio: un’epica avventura fantasy ricca d’azione

“Warcraft - l’inizio” (2016), il film ispirato al celebre videogame prodotto dalla Blizzard nel 1994, è disponibile nel catalogo Infinity. Il vasto cast, diretto dal giovane regista Duncan Jones (figlio di David Bowie), chiama all’appello Travis Fimmel, Paula Patton, Toby Kebbell, Ben Foster, Robert Kazinsky e Clancy Brown. In occasione delle riprese Chris Metzen, l’autore principale dell’intreccio presentato nell’universo di Warcraft (ma anche di Diablo e Starcraft), ha interpretato un mercante di Roccavento, concedendo ai fan più accaniti un vero e proprio cameo “d’autore”.

 

Il mondo di Azeroth sta vivendo un periodo di pace lungo diversi anni, grazie anche al governo umano di Re Llane, al suo migliore guerriero Lothar, alla protezione del guardiano del regno Medivh e del concilio del Kirin Tor. Il mondo di Draenor, al contrario, sta morendo, e i suoi abitanti, orchi brutali riuniti nell’ Orda e comandati dal potentissimo sciamano Gul’dan, riescono ad attraversare un oscuro portale che permette loro l’accesso al regno di Azeroth. Uno dei gruppi di orchi adunati da Gul’dan nell’Orda è il Clan dei Lupi Bianchi, il cui amato e rispettato leader Durotan sembra essere il solo disposto a disertare per porre fine ai deliri di onnipotenza e distruzione dello sciamano. Durotan arriverà al punto di ipotizzare un alleanza con gli uomini. 

 

La colonna sonora di questa pellicola è stata composta da Ramin Djawadi, già noto al pubblico per aver lavorato alle epiche battaglie e alle scene d’azione di Blade:Trinity, Game of Thrones, Iron Man, Pacific Rim e altre ancora. Sono stati inseriti nella pellicola anche numerosi easter eggs, che solo i veri appassionati del videogioco potranno riconoscere. A partire dal dialetto degli orchi, creato apposta dagli autori dell’intreccio. Inizialmente per la sceneggiatura venne proposto il celebre Sam Raimi, che però decise di andarsene in seguito ad un litigio con la Blizzard, che affidò al regista designato Duncan Jones il compito di coprirne il ruolo.

COMMENTI (0)