Shaft: Samuel L. Jackson è il protagonista del film dedicato al celebre detective

Il celebre detective Shaft, personaggio cult degli anni ’70, torna sul piccolo schermo con un nuovo caso da risolvere, riunendo 3 generazioni. Samuel L. Jackson veste i panni del leggendario investigatore John Shaft affiancato dal figlio John Junior e dal padre John Senior.
Risposta pronta e pugno facile: scopri tutto quello che devi sapere prima della visione!



Shaft: la trama


John Shaft III lavora come analista all’FBI e diligentemente segue tutti i protocolli del Bureau. Un giorno il suo migliore amico Karim Hassan viene ritrovato morto a causa di un’overdose. Per tutti si tratta della brutta ricaduta di un ex tossicodipendente, ma secondo John Junior c’è qualcosa che non torna e decide di indagare. La pista seguita lo porta nei sobborghi degradati di Harlem in cui lavora il padre, il famoso investigatore privato John Shaft II, che non vede ormai da 25 anni. Pur di rendere giustizia all’amico decide di contattare il detective e di mettere momentaneamente da parte i loro dissapori. Il padre decide di aiutare il figlio nelle indagini e lo coinvolge così in situazioni pericolose dove capeggiano i suoi metodi sfrontati e poco ortodossi, ben lontani dall’educazione impartita dalla madre di Junior. Tuttavia la improbabile collaborazione li porterà a rinsaldare un legame ormai perduto e a scoprire la vera natura di uno Shaft.



Shaft: il cast


La saga di Shaft continua con questa pellicola del 2019 che vede per la seconda volta Samuel L. Jackson nei panni dello spavaldo e sfacciato John Shaft. Al suo fianco stavolta troviamo il figlio, John Junior, interpretato da Jessie T. Usher, attore noto per il ruolo del figlio di Will Smith nel sequel di Indipendence Day. A completare la famiglia l’apparizione del nonno John Shaft Senior, interpretato da Richard Roundtree, l’attore che negli anni '70 ha reso celebre il personaggio di Shaft. Tre generazioni alleate, ma allo stesso tempo a confronto, sfideranno una terribile banda di criminali passando da grandi scazzottate a divertenti gag e colpi di scena. Il legame narrativo con le pellicole del passato si fa preponderante soprattutto nelle scene finali della pellicola, omaggiando i fan del noto investigatore e delle sue trasposizioni. Non mancano infatti le atmosfere tipiche della saga, rielaborate in chiave postmoderna.
Tra il cast troviamo inoltre Regina Hall, la madre di Junior, Sasha Arias, la fiamma del ragazzo e Titus Welliver, agente speciale dell’FBI.
Il film è diretto da Tim Story, regista già rodato nei generi polizieschi quali Un poliziotto in prova e il suo sequel Un poliziotto ancora in prova e film d’azione come I fantastici 4. La pellicola mixa sapientemente thriller e commedia. Il complicato rapporto paterno tra le tre generazioni è sicuramente il fil rouge della narrazione che tiene lo spettatore incollato allo schermo per tutti i suoi 111 minuti. La sceneggiatura scorrevole e lineare alterna sfumature paterne ai toni forti della blaxploitation (di cui parleremo tra poco). Infine non poteva mancare il celebre tema musicale di Isacc Hayes in cui si evolve la narrazione e grazie al quale la pellicola ottene un Oscar negli anno '70.



Shaft: il trailer


Prima di raccontare l'evoluzione della saga di Shaft, entriamo nel vivo della pellicola: guarda subito il trailer di Shaft!





Shaft: l’origine di un mito


Vediamo insieme l'evoluzione del franchise di Shaft:

- Shaft il detective
(Shaft)
è il primo film dedicato all’iconico investigatore. Uscito nelle sale nel 1971 e diretto da Gordon Parks, vede come protagonista Richard Roundtree. Il film è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Ernest Tidyman; la sceneggiatura venne scritta dallo stesso Tidyman, assieme a John D.F. Black, che lo aiutò a stenderla secondo i canoni cinematografici. La pellicola contiene molti elementi del filone noir, divenendo un film di genere blaxploitation. Il termine venne infatti coniato in quegli anni dalla fusione delle parole black (nero) ed exploitation (sfruttamento). Questo genere porta in scena attori principalmente afroamericani con colonne sonore di musica soul o funk. La sua nascita generò molte critiche dagli attivisti per i diritti civili, che ritenevano queste pellicole troppo stereotipate, ma nonostante ciò i film del genere ebbero un enorme successo. Una prova fu proprio la colonna sonora di Shaft composta da Isacc Hayes. La Shaft's Theme vinse infatti un Oscar per la miglior canzone risuonando nei jukebox dell’epoca. Dal successo del primo film nacque così la trilogia.

- La seconda pellicola fu Shaft colpisce ancora, in cui il detective John Shaft indaga sull'omicidio di un suo carissimo amico per poter assicurare i colpevoli alla giustizia. Realizzato nel 1972, fu diretto ancora una volta da Gordon Parks.

- L’anno successivo tocca invece a John Guillermin portare in scena Shaft e i mercanti di schiavi, stavolta però l’ambientazione cambia e il leggendario detective deve recarsi in Africa per sgominare una banda di trafficanti di schiavi.

- Cavalcando l’enorme successo ottenuto al botteghino, ai film venne affiancata una serie televisiva omonima dove Roundtree vestì ancora una volta i panni del detective. La serie, composta da 7 episodi, venne trasmessa dalla CBS tra il 1973 e il 1974. A differenza dei lungometraggi, che sconfinavano nella blaxploitation, in questa produzione seriale i metodi del protagonista sono più morbidi, con meno scene di violenza estrema e di sesso. Inoltre, mentre nei film Shaft combatteva di frequente anche contro i suoi stessi colleghi poliziotti ed i loro metodi, nella serie televisiva si trova spesso al loro fianco. Con l'aiuto di Al Rossi, tenente della polizia, il detective John Shaft cerca di risolvere casi nei ghetti di New York.

- Arriviamo ai giorni nostri e allo Shaft interpretato da Samuel L. Jackson. Nel 2000 esce la prima pellicola con Jackson, che veste i panni del nipote del famoso detective. Lo zio è infatti interpretato dal leggendario Richard Roundtree. La trama gira intorno a un grave assalto fuori da un ristorante che mette l’investigatore contro il figlio di un importante magnate. Ottenere giustizia metterà in grave pericolo la sua vita e quella dei suoi cari.

- Infine ecco lo Shaft del 2019 di cui abbiamo raccontato ogni dettaglio a inizio articolo.



Curioso di vedere in streaming Shaft? Samuel L. Jackson ti aspetta in premiere dal 30 ottobre al 5 novembre!

COMMENTI (0)