RALPH SPACCA INTERNET: un’avventura a suon di bit

Per anni è stato solo il cattivo che spaccava i palazzi in un vecchio videogioco, ma da quando ha incontrato Vanellope, la sua amica del cuore, la sua vita è perfetta. O almeno, così pensava Ralph prima di scoprire “l’internet” o l’infernet, come lo chiamano in salagiochi!

Su Infinity arriva la seconda avventura di Ralph Spaccatutto, stavolta però a rompersi sarà proprio internet.
Per alcuni è solo una serie di 0 e 1 che fluttuano nell’universo, ma per noi sarà l’inizio di una magica e divertentissima avventura a suon di bit!

Ralph è felicissimo della sua vita, mentre a Vanellope va un po' stretto il suo gioco: sempre le stesse piste che ormai conosce a memoria e poco spazio per l'imprevisto. Anche le competizioni si fanno noiose, la ragazzina in alcuni tratti le fa pure a occhi chiusi sbeffeggiando gli avversari. Per regalarle un po’ di brio Ralph decide di improvvisare un “fuori pista” che però avrà dei risvolti catastrofici. Vanellope parte in quarta, anzi dovremmo dire in quinta, in questo nuovo percorso e il suo volante diventerà presto incontrollabile finendo per rompersi.

Ralph e Vanellope dovranno quindi affrontare un viaggio nel world wide web. La loro missione? Raggiungere Ebay e comprare un volante di ricambio prima che il cabinato di “Sugar Rush” venga gettato per sempre in discarica.

Il film di animazione della Walt Disney è ricco di riferimenti autoreferenziali. Una delle tappe più belle di questo viaggio sarà il salotto di casa Disney, tra le principesse che hanno fatto la storia e l'evoluzione del genere. Ci saranno anche celebri personaggi di alcuni famosissimi universi cinematografici come Guerre Stellari e Marvel con tanto di cameo virtuale di Stan Lee. Non mancheranno poi i riferimenti alla rete e alla nostra generazione: i tutorial di trucco, le pubblicità per perdere il grasso in eccesso, la psicosi dei like, gli haters, i banner pop up e naturalmente tanti gattini, gattini e gattini. Allacciate le cinture, perché questo viaggio divertirà sia i grandi che i più piccini.

COMMENTI (0)