Pacific rim – la rivolta è disponibile su Infinity

A distanza di cinque anni torna il franchise Pacific Rim con “Pacific rim uprising- La rivolta”, l’epico scontro tra robot da combattimento dei Pan Pacific Defense Corps ed i mostri Kaiju. Dopo dieci anni dagli eventi narrati dal primo film, il sequel riprende dieci anni dopo. La guerra è finita ed i Kaiju sono tornati nella loro dimensione. La formazione però non cessa di fermarsi: i robot ed i piloti devono essere sempre pronti per un eventuale ritorno dei mostri. In Pacific Rim Uprising si cercano nuove reclute; si vuole formare una squadra di migliori e più brillanti, per creare una nuova generazione di eroi capaci di sovrastare la minaccia Kaiju. La lotta ai temibili Kaiju torna a farsi sentire e il mondo, ed il PPDC ha ancora bisogno di piloti di Jaeger. Tra questi nuovi piloti c’è il ribelle Jake Pentecost, che come ben sappiamo già un tempo era pilota Jaeger,e, nel nuovo Pacific Rim gli viene data un’ultima chance per portare in alto e dimostrare di meritare l’eredità lasciata dal padre.

 

A seguire le orme di Charlie Hunnam ci pensano John Boyega (Star Wars) e Scott Eastwood, il figlio del celebre Clint che è protagonista del film che segue il racconto ambientato nell’universo post-apocalittico del premio Oscar Guillermo del Toro. Un fantasy ricco d’azione e dinamico. Altamente spettacolare, in grado di mantenere alta l’attenzione dello spettatore grazie alle scenografie digitali ed i suoi effetti speciali che sottolineano, rendendo quasi reali i combattimenti che caratterizzano Pacific Rim. Il film può essere considerato un nuovo inizio per la saga Universal: dai nuovi volti, giovani che si allenano a diventare eroi  ma non solo, che devono imparare a collaborare e a vedersi come una comunità, e per finire, adulti che devono lottare con i loro problemi. Temi e volti nuovi che vanno a decretare il successo del proseguimento di quel franchise incominciato da del Toro. E voi non siete curiosi di vedere la nuova fisionomia data a Pacific Rim? Correte su Infinity per capire di cosa stiamo parlando.

tags:

COMMENTI (0)