“Oxford Murders”: un cluedo tra omicidi e matematica

23 maggio 2015

Una serie di omicidi, l'università di Oxford, un vecchio professore di matematica e un giovane tirocinante americano: sono questi gli ingredienti di "Oxford Murders" diretto da Álex De la Iglesia. Un thriller vecchio stile, in cui troviamo molti elementi noir, a partire dalla location e dalla scenografia. Martin (Elijah Wood) è  studente americano con la passione per la matematica e per un teorico in particolare, il professor Seldom (John Hurt). Giunto ad Oxford per conoscerlo, prende alloggio presso un'anziana ed eccentrica signora, la quale, due giorni dopo, viene trovata morta nel suo soggiorno. È solo il primo di una serie di omicidi e il primo di una sequenza di segni che l'assassino lascia dietro di sé, vittima dopo vittima. Il dottorato di Martin si trasforma, così, in un tirocinio sul campo: tutti i protagonisti del film potrebbero finire sul banco degli imputati e come ogni thriller che si rispetti, fino alla conclusione si può dubitare di ognuno di essi...

COMMENTI (0)