Road to Oscars 2018: il talento inarrestabile di Ridley Scott su Infinity

Britannico, classe 1937, muove i primi passi nella pubblicità. Controverso, discontinuo ma sicuramente geniale ed estremamente versatile: dal 1977, anno del suo esordio nel lungometraggio con I duellanti, Ridley Scott ha mostrato nel corso degli anni un imprevedibile e originale talento, curioso di esplorare tutti i generi cinematografici e in grado di regalarci una filmografia ricca e titoli indimenticabili, finora candidato quattro volte all'ambita statuetta.

 

Ecco alcuni dei suoi titoli presenti nel nostro catalogo:

 

Blade Runner (1982): l’antieroe inquieto Deckart, interpretato da un giovane Harrison Ford, la sua caccia ai replicanti fuggiti e il suo amore per la replicante speciale Rachel (Sean  Young), femme fatale con un cuore – e un’anima - nella futuristica e inquietante Los Angeles del 2019, bagnata da una pioggia incessante, sono ormai entrati nell’immaginario collettivo grazie a questo capolavoro. Quando il noir incontra la fantascienza.

 

Sopravvissuto - The Martian (2015): ottima accoglienza di critica e sette candidature agli Oscar 2016 per questa avvincente storia di sopravvivenza, coraggio e determinazione in chiave fantascientifica. Sopravvissuto - The Martian di Ridley Scott racconta l’avventura del botanico Watney (Matt Damon) che, partecipando a una missione su Marte, rimane per errore sul Pianeta Rosso. In attesa di essere salvato e tornare sulla Terra, farà di tutto per rimanere vivo…

 

Un’ottima annata (2006): lo spietato broker in carriera Max Skinner (Russell Crowe) deve recarsi in Provenza per rilevare la tenuta con vigneto dell’amato zio Henry (Albert Finney), morto improvvisamente senza lasciare testamento. Deciso a vendere la proprietà per tornare alla sua vorticosa routine londinese, Max assisterà all’affiorare dei ricordi d’infanzia e di nuove sensazioni che gli faranno apprezzare la vita in modo nuovo e diverso. Nuova collaborazione fra Crowe e Scott per questa commedia romantica dai paesaggi avvolgenti e mozzafiato che ha come coprotagonista Marion Cotillard (Midnight in Paris).

 

American Gangster (2007): nella Harlem degli anni Settanta si scontrano i sogni di gloria del narcotrafficante afroamericano in rapida ascesa Frank Lucas (Denzel Washington), padre di famiglia affettuoso e prodigo nell’elargire favori alle gente del quartiere, e la sete di giustizia dell’ostinato e integerrimo poliziotto Richie Roberts (Russell Crowe). Le loro strade si incontrano e lo scontro è inevitabile. Ridley Scott dirige due straordinari attori per un gangster movie appassionante ispirato a una storia vera. Disponibile sul catalogo Infinity a partire dal 20 febbraio.

 

Exodus – Dei e re (2015): Scott rilegge in chiave personale il racconto biblico del libro dell’Esodo in questo film epico che narra la vicenda di Mosé (Christian Bale), ebreo salvato dalle acque appena nato, e Ramses (Joel Edgerton), cresciuti come fratelli in Egitto dal faraone Seti (John Turturro) ma destinati a scontrarsi decidendo così le sorti del popolo ebraico e di quello egiziano. Un cast ricco (oltre ai citati protagonisti, anche Ben Kingsley, Sigourney Weaver, Aaron Paul) per una pellicola visivamente spettacolare.

 

Robin Hood (2010): il celeberrimo ladro arciere che “derubava i ricchi per dare ai poveri” rivive nell’ennesima collaborazione fra Ridley Scott e Russell Crowe, che non si risparmia per dare corpo all’eroe guerriero in lotta, insieme al suo esercito di “buoni fuorilegge” e all’amata Marion (Cate Blanchett) tutti rifugiati nella Foresta di Sherwood, contro il Principe Giovanni Senzaterra (Oscar Isaac). Robin Hood racconta la nascita di un mito messa in scena con grande maestria registica e interpretativa, dando credibilità a una leggenda che continua ad appassionare.

 

L’ultimo film del regista, il chiacchieratissimo Tutti i soldi del mondo, ha fatto  guadagnare a uno dei suoi interpreti, Christopher Plummer, la candidatura statuetta come miglior attore non protagonista nella corsa agli Oscar 2018.

 

Chissà quante altre sorprese ci riserverà  in futuro l’incontenibile Ridley Scott

 

Quali sono i vostri film preferiti del regista? Ditecelo nei commenti!

 

 

FOTOGALLERY
COMMENTI (0)