L’uomo di neve: un macabro giallo tra i ghiacci norvegesi

È disponibile su Infinity “L’Uomo di Neve”, film del 2017 diretto dallo svedese Tomas Alfredson e basato sull’omonimo romanzo di Jo Nesbø, autore le cui opere si prestano molto bene all’adattamento cinematografico, come ha precedentemente dimostrato con Occupied (2015) e Head Hunters (2011). La pellicola racconta la storia di un misterioso caso affidato a Harry Hole, esperto detective a cui spesso piace alzare il gomito, nonostante sia esponente di una squadra speciale della polizia di Oslo. La sua squadra viene dedicata alla risoluzione di una serie di casi di omicidio particolari. Da qualche tempo, infatti, nella capitale norvegese ricorre un evento singolare: ogni volta che scompare una donna, compare un pupazzo di neve sul ciglio della strada. Quando iniziano le indagini, tra le mani del detective Hole giunge un biglietto firmato “l’uomo di neve”, dove viene apertamente sfidato dal serial killer. Con il passare dei giorni, le persone scomparse e i pupazzi per strada aumentano,  mentre le speranze di risolvere il caso diminuiscono. Con l’aiuto di una nuova collega, la brillante Katrine Bratt, Harry sembra aver finalmente trovato una pista degna d’essere seguita: ognuna delle donne scomparse è stata dal dottor Idar Vetlesen in cerca di un parere medico riguardo una particolare condizione genetica.



Jo Nesbø (scrittore, attore e musicista), autore del romanzo, è noto per avere uno stile di scrittura affine al linguaggio del cinema, e proprio per questo motivo numerose delle sue opere vengono adattate al grande schermo. Questa, però, è la prima trasposizione cinematografica della saga di 11 episodi che vede protagonista Harry Hole. Per l’occasione, il regista Tomas Alfredson si è circondato di un cast degno di nota:  oltre a Michael Fassbender (Steve Jobs, Prometheus) nel ruolo di Harry, e Rebecca Ferguson (Mission Impossible: Rogue Nation e The Greatest Showman) in quello dell’agente Bratt, possiamo facilmente riconoscere anche Val Kilmer (Top Gun, Batman forever).

 

COMMENTI (0)