Lost River: il film esordio alla regia di Ryan Gosling

Lost River è la pellicola esordio alla regia del celebre attore canadese Ryan Gosling. Il film, scritto, diretto e prodotto dallo stesso Gosling, è stato presentato al Festival di Cannes del 2014 nella sezione Un Certain Regard, suscitando lo stupore dei presenti. Si tratta di un’opera che unisce fantastico e quotidiano raccontando la vita di una famiglia in bilico tra la povertà e una città fantasma.



Lost River – la trama


La narrazione ruota attorno a una città surreale ed evanescente dove tutto sembra essere andato in rovina a causa di una terribile inondazione nelle cittadine limitrofe. È proprio in questo contesto di decadenza che conosciamo Billy, una madre single e squattrinata, e i suoi due figli: l’adolescente Bones e il piccolo Franky. La loro casa fatiscente sta per essere pignorata dalla banca locale così, per estinguere il debito, la donna decide disperatamente di seguire i consigli di Dave, il nuovo dirigente di filiale, e di esibirsi in un locale fetish. Anche il figlio Bones cerca di racimolare soldi rubando rame dalle case abbandonate, ma questo lo porta a inimicarsi Bully, il pericolosissimo teppista del paese che mutila a sforbiciate chi non lo rispetta. Nel frattempo il giovane Bones stringe una forte amicizia con Rat, la vicina di casa, anche lei abbandonata a sé stessa in una casa fatiscente con l’anziana e muta nonna. È grazie a lei che Bones scopre cos’è successo alla città oltre la diga, la città sommersa dall’acqua che ha sbarrato il fiume dando il via alla maledizione del fiume perduto (lost river appunto). I destini dei personaggi saranno destinati a incrociarsi e l’unica speranza per spezzare la maledizione sarà riportare in superficie qualcosa che è stato a lungo sommerso…



Lost River – il cast


Come anticipato la pellicola è scritta, diretta e prodotta da Ryan Gosling. È la prima volta che l’attore canadese si cimenta dietro la macchina da presa e lo fa raccontando la sua storia con una sceneggiatura sopra le righe, in cui l’ambientazione, le luci, gli effetti speciali e gli oggetti di scena la fanno da protagonista. Le atmosfere suggestive sovrastano questi luoghi senza tempo in cui i protagonisti si dimenano cercando di ribellarsi, a modo loro, alla loro vita desolante circondata da vandalismi, incendi, ruspe, in cui non sembra esserci una via d’uscita. Il contesto sociale e urbano a cui mira Gosling è, a suo stesso dire, un mondo alieno, ma riconoscibile, pre-apocalittico, vicino a una fine imminente. Un contesto rappresentato al meglio dal direttore alla fotografia belga Benoît Debie.
Tra gli interpreti principali del film troviamo nei panni di Billy l’attrice Christina Hendricks con il quale Gosling ha già lavorato in Drive, Iain De Caestecker è Bones mentre Saoirse Ronan (Lady Bird) è Rat. Compare nel cast, come personaggio minore, anche Eva Mendes, compagna e moglie del regista.
La pellicola è stata selezionata al Festival di Cannes del 2014 per competere nella sezione Un Certain Regard ed è poi uscita nelle sale cinematografiche l’anno successivo.



Lost River - la città doppia


Lost River è una città fantasma, un luogo decadente caratterizzato da palazzi abbandonati e case fatiscenti prossime alla demolizione. Una “terra di nessuno” dove teppisti improvvisati si contendono le ultime risorse di rame ricavate dagli scheletri di costruzioni solitarie. Lost River si può considerare una sorta di lynchtown, ovvero uno di quei luoghi noti al pubblico del regista David Lynch, in cui ogni cosa è doppia, composta anche dal proprio riflesso oscuro. In questo caso però c’è una sottile variante: al contrario di Twin Peaks, la città ideata da Gosling non dispone di alcuna rassicurazione; a Lost River si può andare solo più a fondo. Di giorno deserta e inospitale, di notte violenta e popolata da luoghi di perdizione in cui i suoi abitanti posso indossare il loro terrificante vero volto.
Il film ruota attorno all’ambiguità delle situazioni e dei personaggi. Lost River è una città “doppia” anche perché, topograficamente, ne esiste un’altra, sommersa. La scopre per caso Bones quando fuggendo dal bullo del paese fa cadere la sua attenzione su dei pali della luce che fuoriescono misteriosamente da un lago. Raccontando l’accaduto a Rat scopre che si tratta della vecchia Lost River sepolta ormai da anni sotto l’acqua di un bacino idrico artificiale. Per gli abitanti anziani del posto si tratta di un luogo mitologico, che però può spezzare la maledizione che aleggia su Lost River, bisogna solo riportare in superficie un oggetto della vecchia città sommersa. Sarà questa la missione del ragazzo, alla ricerca della sua liberazione.



Lost river è in streaming sul catalogo Infinity: guardalo subito e lasciaci la tua recensione qui sotto!

COMMENTI (0)