La ruota gira per tutti: ce lo insegna Una spia e mezzo

Su Infinity una spy-comedy tutta mada in USA, stiamo parlando di “Una spia e mezzo”, che porterà sullo schermo un The Rock come non l’avete mai visto prima: paffutello e adolescente, con parecchie crisi di autostima e vittima dei bulli della scuola. Bob Stone (Dwayne Johnson) è un bambino che ha vissuto l’incubo dell’High school. Super- nerd e in sovrappeso, un giorno viene trascinato nella palestra del liceo, nudo, davanti a tutti durante la premiazione di Hart (Calvin Joyner) che, al contrario è la freccia d’oro del liceo. Studente modello, ragazzo più in vista della scuola, il classico adolescente prodigio destinato ad avere un futuro di successi.


Ma basteranno appena vent’anni per ribaltare le carte in tavola e far sì che Bob abbia la sua rivincita e, ride bene chi ride ultimo. Da bullizzato è diventato un agente della CIA, trasformando i suoi 90 kili di grasso in muscoli ed agilità. Invece, la stella del Liceo è un annoiato commercialista, sposato con la fidanzatina conosciuta dietro ai banchi di scuola. Insomma, ognuno ha avuto quel che si merita. Durante una rimpatriata del liceo i due si rincontrano e Bob coinvolge Hart in una missione top secret. Ma Hart, commercialista mangia numeri, riuscirà a sopravvivere nel mondo dello spionaggio?

 

In una spia e mezzo l’accoppiata Johnson-Joyner funziona molto bene, tra gag, battute ed avventure comiche riescono a portare sullo schermo anche una tematica molto delicata: quella del bullismo. Il tema della violenza psicologica subita da un forte ed adulto Bob è il leitmotiv che riecheggia continuamente nel buddy-movie, con la frase pronunciata dal protagonista «Io odio i bulli». Pellicola adatta a tutta la famiglia, in grado di far trascorrere un’ora e quaranta di risate e leggerezza grazie ai dialoghi divertenti che la caratterizzano. Un film tutto muscoli e comicità, che però insegna che tutto arriva per chi sa aspettare, che esiste una seconda possibilità per tutti ma soprattutto, che la vita è una ruota che gira.

COMMENTI (0)