Io sono Mia: una cantante, una donna ed una carriera

Oggi Infinity per celebrare insieme a voi la festa della Donna, dedica la giornata alla straordinaria interprete della canzone italiana Mia Martini.
Nel film “Io sono Mia”, disponibile su Infinity, si entra nel vivo di un racconto di una lunga ed intima intervista che ripercorre la sua vita: amori, dolori e carriera di una delle più grandi dive della storia della musica italiana.

Serena Rossi, nei panni di Mia Martini, è la protagonista di una biografia struggente che porta in luce quella che è stata la vita della cantautrice italiana: dall’ arrivo a Roma a soli 20 anni, al suo primo grande successo negli anni ’70 grazie a Piccolo Uomo e Minuetto ed infine, il suo rapporto famigliare travagliato e burrascoso con la sorella Loredana Berté ed il suo papà. La sua crisi di carriera causata da quella campagna che sosteneva che la cantante portasse sfortuna ed infine, il ritorno in auge fino a terminare con quella tragica scomparsa che ha fatto perdere alla canzone italiana una grande protagonista ma anche, e soprattutto una fantastica donna.
La biografia si conclude nel 1979, quando Mia fa la sua entrata nel palco dell’Ariston con “Almeno tu nell’universo”.


Una pellicola commuovente, con scene capaci di raggiungere alti picchi d’intensità, toccando un po’ tutta la vita della cantante: dai famigliari, i suoi fan ma anche chi, almeno una volta ha sentito la melodia di Almeno tu nell’ universo.
Io sono Mia è capace di rimanere nel cuore di tutti coloro che l’hanno stimata, apprezzata e voluto bene; non è un caso che, la stessa sorella Loredana, commentando il film ha esplicitato che in Io sono Mia le sembra di rivedere il volto della sorella, scomparsa in solitudine nel letto della sua camera.
Merita anche un commento l’interpretazione magistrale di Serena Rossi, che è stata in grado di calarsi, al cento per cento nel personaggio. Oltre all’ intenso studio delle canzoni della Martini, interpretate quasi come se fosse in playback ha imitato anche quelle sue movenze ed i sentimenti malinconici che la Martini cercava di nascondere dietro quel sorriso e quegli occhi scuri e profondi che in realtà nascondevano un grande malessere interiore.
Una donna, una vita ed una carriera che non è stata facile; salite, discese, ostacoli e difficoltà che sono portate sullo schermo grazie alla maestria di Serena Rossi.
Io sono Mia: per non dimenticare un mito, ed una donna che a 23 anni dalla sua scomparsa ancora fa parlare di sé.

COMMENTI (0)