A Beautiful mind, la storia dedicata ad un matematico geniale

Dalla regia di Ron Howard è disponibile su Infinity “A beautiful mind”, la pellicola pluripremiata che racconta la storia di John Forbes Nash, l’uomo che ha rivoluzionato l’economia moderna.


Tratto dalla biografia di Sylvia Nasar - dedicata al genio dei numeri- “A beautiful mind” è una storia di studi, imprese, malattia e trionfo finale del premio Nobel John Nash. Un grande talento matematico, che finalmente riesce a trovare quell'idea geniale che ricerca da tanto tempo perché ha sempre creduto nei numeri, nelle equazioni e nella logica. Quelle uniche certezze che lo portano a formulare una nuova teoria che influenza, ribalta e mette in discussione tutte le certezze matematiche ed economiche elaborate da Adam Smith.
Nel film c’è anche spazio per l’amore che la mente geniale di Nash prova per Alicia, ma la sua schizofrenia non gli permetterà di avere una vita facile. Ma si sa, la vita di un genio non è mai molto semplice, e quella di Nash ne è la prova: caratterizzata da molti più dolori che glorie, se non fosse per quel premio Nobel vinto nel 1994 grazie alla sua formidabile teoria dei giochi.


Uno dei capolavori di Ron Howard e considerato la migliore biografia creata nella storia del cinema, che mescola la vita di un genio ossessionato e paranoico ma anche l’aspetto romantico; un legame indissolubile tra Nash e la moglie Alicia che, nonostante la storia ad alto rischio del marito non lo abbandona nemmeno un attimo. Un’alternanza tra pubblico e privato, dove viene romanzata una vita di difficoltà, glorie e nevrosi, senza mai perdere di vista il giusto equilibrio necessario in un film. Una storia intensa e realistica anche se siano state omesse alcune parti della vita del matematico Nash ma si sa, sul grande schermo è difficile, e quasi impossibile riportare tutto.
L'astro nascente della "nuova matematica" è interpretato dall’ex gladiatore Russel Crowe, che grazie alla sua intensità recitativa ha vinto diversi premi.
A beautiful mind non è solo un film, ma un’opera in grado di lasciare un segno.

COMMENTI (0)